Lun 24 Dicembre 9.00 -14.00 | Mart 25 e Merc 26 Dicembre Chiuso | Giov 27 e Ven 28 Dicembre 9.00 - 22.00 | Sab 29, Dom 30 e Lun 31 Dicembre 9.00 - 14.00 | Mar 1 Gennaio Chiuso | Merc 2, Giov 3, Ven 4 dalle 9.00 alle 22.00 | Sab 5 Gennaio 9.00 alle 14.00 | Dom 6 Gennaio Chiuso
02 93559483
Lunedì - Venerdì 8.30 - 22.30 | Sabato 9.00 - 18.00 | Domenica 9.00 - 14.00
Lun 24 Dicembre 9.00 -14.00 | Mart 25 e Merc 26 Dicembre Chiuso | Giov 27 e Ven 28 Dicembre 9.00 - 22.00 | Sab 29, Dom 30 e Lun 31 Dicembre 9.00 - 14.00 | Mar 1 Gennaio Chiuso | Merc 2, Giov 3, Ven 4 dalle 9.00 alle 22.00 | Sab 5 Gennaio 9.00 alle 14.00 | Dom 6 Gennaio Chiuso
02 93559483
Lunedì - Venerdì 8.30 - 22.30 | Sabato 9.00 - 18.00 | Domenica 9.00 - 14.00
Ecco come l’intervento per un’ernia addominale può rivelarsi catastrofico se non abbinato ad un programma di irrobustimento del muscolo.
Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  

Metti un Mi Piace!

Hey Ciao, sono Riccardo Lo Presti, direttore tecnico del centro Elan Vital, e oggi ti voglio parlare di quanto è importante sviluppare i muscoli addominali.

Ieri parlavo con il mio amico Andrea che ha da poco subito un intervento di ernia addominale e si lamentava di avvertire del dolore nei giorni immediatamente seguenti all’operazione chirurgica, soprattutto muovendosi, cambiando posizione, e in tutte le fasi in cui vi è un mutamento di stato (da sdraiato a seduto o da quest’ultima posizione alla stazione eretta).

Ovviamente a così breve distanza era normale sentire dolore ma per evitare che il fastidio continui nel tempo, ma che soprattutto la formazione dell’ernia non si formi nuovamente, è necessario irrobustire i muscoli addominali, facendo in modo che essi possano favorire i movimenti.

E’ proprio la forza della parete addominale che permette di evitare di avere un accumulo di pressione intra addominale troppo alto da causare un rigonfiamento della parete, detto ernia.

La maggior parte delle persone che incontro nella mia palestra rimane perplessa quando spingo molto sull’allenamento degli addominali.

Rimangono stupiti poichè allenandosi in una palestra che mette in vertice la salute non si aspettano di sentirsi quasi obbligati ad allenare gli addominali.

Il problema di fondo è che la maggior parte delle persone fraintende cosa significhi allenare gli addominali.

Sei sicuro che avere addominali forti è solo questione di genetica? Ecco perché 7 su 10 non solo fanno fatica a  ottenere risultati ma rischiano pure di infortunarsi

Allenare gli addominali non significa svolgere un determinato tipo di esercizio che tende a sviluppare solamente la parete frontale addominale con lo scopo di ottenere risultati “immediati” per poter andare al mare a mostrare addominali scolpiti.

In realtà dovresti allenare l’intera struttura core, che è quella zona muscolare formata non solo dagli addominali, ma anche dai muscoli del pavimento pelvico, glutei e flessori dell’anca.

Il core è la zona più importante del nostro corpo poiché influenza qualsiasi movimento noi facciamo.

Il core è formato da:

  • Trasverso
  •  Addominali obliqui interni ed esterni
  • Retto addominale
  •  Muscolo multifido
  •  Quadrato dei lombi
  •  Muscoli paraspinali
  • Muscoli del pavimento pelvico

Questi muscoli agendo in perfetta sinergia proteggono la colonna vertebrale, una delle zone più delicate.

Se non alleni il core, avrai alcuni muscoli meno allenati e quindi più deboli creando squilibri fisici che ti potrebbero portare dall’avere dolore e infiammazioni frequenti a veri e propri infortuni.

Ad esempio Bruce Lee aveva costruito un fisico davvero ben definito e il suo allenamento non era basato sull’estetica ma principalmente basato su un allenamento di tipo funzionale, ovvero su movimenti naturali realizzati grazie alla sinergia di più gruppi muscolari.

Allenare il core ti permette di salvaguardare il tuo stato di salute e di guadagnare anche in estetica.

Esiste un ottimo esercizio per sviluppare il core e ridurre il rischio di infortunio.

Si tratta del miglior esercizio per addominali in quanto non solo rende più forte la parete addominale ma permette anche di ottenere una schiena forte, gambe, braccia e glutei più tonici.

Ecco il metodo più veloce per allenare addominali frontali, obliqui e trasversi.

Questo esercizio sembra facile ma ti assicuro che non lo è.

Se non sei allenato, ti consiglio di iniziare a mantenere questa posizione per un massimo di 10-15 secondi.

L’esercizio consiste in questi 4 semplici passi :

  1. Sdraiati per terra, con l’addome rivolto verso il basso e la schiena dritta.
  2. piega i gomiti di 90°, devono essere esattamente allineate con le spalle.
  3. appoggiati in punta dei piedi, tenendo le gambe dritte
  4. mantieni gli addominali tesi e non dimenticarti di respirare

Per quanto riguarda un soggetto operato di ernia la funzione della muscolatura addominale acquisisce un’importanza superiore.

Secondo uno studio dell’università del Michigan, il 43 % dei pazienti operati per ernia addominale subisce nuovamente la formazione di ernia.

Solitamente durante l’intervento viene inserita una rete (si utilizza anche per l’operazione all’ernia inguinale, che comunque influisce sulla muscolatura dell’addome) che sarà tanto più resistente e forte quanto più inserita in una struttura solida e strutturata, piuttosto che su una flaccida e priva di nerbo.

Ecco perché l’80% di chi ha subito un’operazione rischia di avere una ricaduta entro 1 anno.

A causa di una struttura addominale non adeguata e a seguito di un tempo di recupero non sufficiente per riprendersi da un intervento chirurgico addominale, alcune ricerche hanno evidenziato che al 10% delle persone che hanno subito un’operazione, avviene un cedimento della parete addominale causando la fuoriuscita del peritoneo presentandosi come un gonfiore.

Tale gonfiore viene chiamato ernia Laparocele.

L’80% dei casi si manifesta entro il primo anno dell’intervento chirurgico mentre il resto viene diagnosticato dopo 5 anni.

I sintomi dell’ernia Laparocele sono:

  • Malessere alla pancia
  • Dolore addominale
  • Nausea
  • Vomito
  • Difficoltà ad evacuare

Questo tipo di ernia, oltre a causare problemi come l’intasamento e/o lo strozzamento dell’ernia, porta alla distruzione della parete addominale creando una protrusione che fuoriesce dalla cavità addominale.

Hai appena subito un’operazione e desideri diminuire del 90% le probabilità di  avere una ricaduta? Allora continua a leggere se non vuoi ritrovarti sotto i ferri.

Dopo l’intervento chirurgico è importante che si provi a svolgere dell’attività fisica in maniera progressiva, al fine di attenuare il dolore dovuto all’operazione subita.

Inizialmente il consiglio più naturale è quello di un’attività modesta e blanda, sostenuta prevalentemente da camminata leggera e lenta, a meno di indicazioni differenti fornite dal chirurgo.

Giorno dopo giorno potrai salire e scendere le scale, intensificare leggermente il grado dei propri esercizi, fino ad arrivare ad una corsa di blanda intensità. In tutte questo è fondamentale che non venga mai perso il controllo della muscolatura addominale.

Integrando con una serie di esercizi mirati alla tonificazione addominale è possibile nell’arco di un mese circa poter riprendere la regolare attività.

Per quanto riguarda cosa mangiare, la sola dieta non è in grado di irrobustire: aiuta a perdere peso, ma non dona struttura.

Questa deve essere formata grazie a esercizi programmati ed eseguiti presso una palestra secondo quanto suggerito da un fisioterapista.

Ciascun paziente ha un decorso indipendente e non è scontato che ciò che funzioni per una persona lo sia anche per un’altra, ma l’obiettivo importante in questa fase è di tonificare il tratto addominale.

La salute è una cosa seria e deve essere affrontata con l’ausilio di un professionista che sa esattamente come risolvere la situazione problematica in cui ti trovi.

Nel nostro centro ElanVital troverai un istruttore qualificato che potrà seguirvi in tutta la fase di recupero ma, soprattutto di mantenimento della forma fisica.

Infatti noi del Centro Elan Vital, abbiamo messo a disposzione Recupero Sicuro, il primo servizio che ti fa recuperare definitivamente e senza compromessi.

Se invece non hai particolari problemi ma sei interessato comunque ad allenarti in totale sicurezza evitando inutili infortuni, noi del Centro Elan Vital, il primo centro che mette in vertice la salute, abbiamo messo a disposizione Elan Test.

Elan Test è un esclusivo programma dove avrai a tua disposizione:

  • analisi della massa magra e massa grassa
  • visita posturale davanti ad uno specchio
  • test di flessibilità
  • test appoggio del piede

Oppure puoi scegliere di allenarti in qualsiasi palestra, rischiare di infortunarti e spendere almeno 70 euro a seduta per andare da un fisioterapista svolgendo esercizi che non riuscirai a fare in totale autonomia, rischiando di subire nuovamente un infortunio.

Scegli ciò che è meglio per te.

Se sei interessato a Elan Test clicca qui https://www.elanvital.it/elantest/

Allenati a star bene!

 

Riccardo Lo Presti

Direttore Tecnico Centro Elan Vital

Pagina FB Elan Vital https://www.facebook.com/elanvital.lainate

 

 

 

P.S. Se sei di Lainate e limitrofi, Elan Test è gratuito.

Se hai bisogno di maggiori informazioni, invia un email con i tuoi dati  a ev@elanvital.it  e verrai contattato da un nostro operatore esperto di Elan Vital che prenderà appuntamento con te.

Ti anticipo subito che l’appuntamento non prevede nessun tentativo di vendita ma sarà riservata unicamente per:

  • visionare la struttura e assistere a come si allenano i nostri clienti con i nostri esperti
  • rispondere ai tuoi eventuali dubbi o domande
  • fornirti una prima valutazione gratuita del tuo stato fisico attuale in base ai dati che fornirai di persona presso la nostra struttura.

P.P.S. clicca qui https://www.facebook.com/riccardolopresti.personaltrainersalute/ e metti mi piace per non perderti la mia rubrica Do Not List dove ti mostro tutti gli errori commessi durante l’allenamento e che tu non dovresti fare se non vuoi mettere a repentaglio la tua salute.

 

 


Metti un Mi Piace!

Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *