Lun 24 Dicembre 9.00 -14.00 | Mart 25 e Merc 26 Dicembre Chiuso | Giov 27 e Ven 28 Dicembre 9.00 - 22.00 | Sab 29, Dom 30 e Lun 31 Dicembre 9.00 - 14.00 | Mar 1 Gennaio Chiuso | Merc 2, Giov 3, Ven 4 dalle 9.00 alle 22.00 | Sab 5 Gennaio 9.00 alle 14.00 | Dom 6 Gennaio Chiuso
02 93559483
Lunedì - Venerdì 8.30 - 22.30 | Sabato 9.00 - 18.00 | Domenica 9.00 - 14.00
Lun 24 Dicembre 9.00 -14.00 | Mart 25 e Merc 26 Dicembre Chiuso | Giov 27 e Ven 28 Dicembre 9.00 - 22.00 | Sab 29, Dom 30 e Lun 31 Dicembre 9.00 - 14.00 | Mar 1 Gennaio Chiuso | Merc 2, Giov 3, Ven 4 dalle 9.00 alle 22.00 | Sab 5 Gennaio 9.00 alle 14.00 | Dom 6 Gennaio Chiuso
02 93559483
Lunedì - Venerdì 8.30 - 22.30 | Sabato 9.00 - 18.00 | Domenica 9.00 - 14.00
HAI SUBITO UN INFORTUNIO? ECCO SVELATO COME IL FISIOTERAPISTA PUO’ DIVENTARE DALL’ESSERE TUO ALLEATO ALL’ESSERE TUO NEMICO   se non tieni in considerazione la fase Post-Fisio (che 9 infortunati su 10 non conoscono!)
Condividi questo articolo:
  • 24
  •  
  •  
  •  

Metti un Mi Piace!

Ciao, sono Riccardo Lo Presti, direttore tecnico del centro Elan Vital, e oggi voglio parlare della fase post-fisio.

Probabilmente anche tu, come 9 infortunati su 10, non sei a conoscenza della fase post-fisio e questo ti potrebbe davvero costare una gamba.

in questi giorni sto seguendo Simone, un uomo di 38 anni, per la rieducazione di un ginocchio che era da 8 mesi che non piegava e non estendeva più la gamba.

Quindi puoi capire quanto tutto questo possa essere limitante nella vita di tutti i giorni.

Immagina che sofferenza a salire e scendere dalla macchina, dalle scale, provare dolore nel correre o semplicemente fermarsi ogni 5 minuti durante una camminata.

Subito dopo l’operazione, Simone è andato dal fisioterapista sotto consiglio dello staff medico e si è limitato al recupero parziale di quello che riguarda la flessione e l’estensione della gamba.

Questo perché nel momento in cui il fisioterapista ti fa condurre una deambulazione pseudo corretta per lui il lavoro è finito.

Ma per te non è cosi, perché il lavoro inizia esattamente nel momento in cui tu hai raggiunto completamente l’estensione e la flessione e hai recuperato totalmente anche la muscolatura.

A seguito di uno studio dell’Università di Copenhagen è stato dimostrato che bastano solo 2 settimane di inattività per perdere il 33% di forza che equivale ad avere un arto di una persona di 40-50 anni

I ricercatori hanno anche scoperto oltre al fatto che più sei in forma e più velocemente perderai massa muscolare, ci vorranno tre volte di più per recuperare la forza persa.

Se vuoi evitare di perdere l’uso della gamba come Simone, la prima cosa che devi fare è sviluppare il vasto mediale.

Il vasto mediale è uno dei quattro muscoli che compone il quadricipite femorale.

Il quadricipite femorale è composto da quattro muscoli :

  •        vasto laterale : si occupa dell’estensione della gamba
  •        vasto intermedio : si occupa dell’estensione della gamba
  •        vasto mediale : funge da sostengo alla rotula regolando in parte l’articolazione del ginocchio
  •        retto femorale : è un muscolo estensore fondamentale per la deambulazione (camminare)

Se tu non hai un vasto mediale sviluppato, non avrai la completa estensione della gamba e quindi la rotula si infiammerà.

La rotula essendo infiammata renderà il tuo ginocchio instabile e quindi sarà soggetto a infortuni come distorsio del ginocchio.

Capisco che è difficile sapere quali esercizi fare in totale sicurezza e fino a quanto puoi spingerti.

ECCO COME PUOI RIDURRE DRAMMATICAMENTE DEL 75% IL RISCHIO DI INFORTUNIO EVITANDO I 4 ERRORI PIU’ SOTTOVALUTATI DAI BODYBUILDER.

In tutti questi anni di lavoro come Personal Trainer, mi sono reso conto che la maggior parte delle persone subisce un infortunio a causa di questi 4 errori che vengono spesso sottovalutati dalle persone :

1) Sollevare più peso di quanto si è realmente capaci di gestire

Secondo una ricerca effettuata dal National Electronic Injury SUrveillance SYstem (NEISS), il  modo più frequente in cui le persone si fanno male è quando sollevano pesi troppo pesanti che poi gli cadono addosso.

Quante volte ti è capitato di sollevare più peso di quanto ne eri in grado solo per dimostrare la tua forza ad un’amico o ad una ragazza?

Ricordati che lavorando con il peso che tu puoi realmente gestire, non solo eviti il rischio di infortunio ma migliori la flessibilità e ottieni migliori risultati.

2) Svolgere gli esercizi in modo sbagliato

Ad esempio un errore che vedo fare molto spesso nel mio centro, quando fai squat, è che se ti pieghi troppo sulle gambe,superando con le ginocchia la punta dei piedi, sposti troppo in avanti il peso del corpo rischiando un sovraccarico notevole dell’articolazione del ginocchio.

L’esecuzione perfetta consiste nel portare il bacino in dietro durante la fase di discesa e devi sentire il peso esclusivamente sui talloni senza sollevare gli avampiedi.

3) Riscaldamento non adeguato

è stato dimostrato che fare stretching statico aumenta il rischio di infortunio.

Lo stretching statico consiste nell’allungare un muscolo per poi mantenere e rimanere fermi con lo stiramento massimo.

E’ dimostrato da numerosi studi invece che lo stretching dinamico è ideale per prevenire infortuni in quanto prevede oscillamenti piuttosto lenti e controllati di braccia e gambe e tronco.

4) Non smettere quando si ha dolore

Molte persone sono convinte della famosa citazione ” No Pain No Gain”.

In realtà se hai dolore, dovresti interrompere il tuo esercizio.

Il dolore è un avvertimento che qualcosa non sta funzionando e che se non te ne accorgi puoi subire un grave infortunio

 

TI PRESENTO IL METODO PIU’ FACILE E VELOCE (CHE HO IMPARATO PER CASO SUL CAMPO) PER COMBATTERE L’INFIAMMAZIONE MUSCOLARE.

La prima volta che ho scoperto questo metodo è stato quando giocavo a Football Americano.

Nella foga di voler placcare il mio avversario, mi sono lanciato verso di lui e sono caduto in modo scomposto per terra, facendomi male alla spalla.

La prima cosa che accade quando prendi una botta come questa, è l’insorgenza dell’infiammazione che se non trattata tempestivamente può trasformarsi in infiammazione cronica se non in qualcosa di molto peggio.

Di per sé l’infiammazione è un ottimo segnale perchè ci indica che in una parte del nostro corpo c’è qualcosa che non va.

Ma questo non significa che non dobbiamo prendere provvedimenti per fare in modo di attenuare l’infiammazione con i dovuti accorgimenti.

Devi vedere l’infiammazione come una spia della tua macchina che si accende per avvisarti di un malfunzionamento o guasto.

Cosa succede se ignori la spia?

Prima o poi rimarrai a piedi, esatto?

E cosa ti fa pensare diversamente quando si tratta di una spia del tuo corpo?

Ribadisco che se non trattata tempestivamente rischi di sviluppare nelle migliori delle ipotesi un’infiammazione cronica che peggiorerà la tua qualità di vita.

Ad esempio non sarai più in grado di fare certi movimenti senza sentire alcun dolore.

Il metodo, che mi ha applicato il fisioterapista subito dopo il mio infortunio, si basa su un metodo di primo intervento che permette di attenuare l’infiammazione e quindi evitare un peggioramento.

Questo metodo, chiamato R.I.C.E (acronimo inglese), si basa su ;

Rest (riposo) – bisogna tenere subito a riposo la parte coinvolta
ICE (ghiaccio) – usare subito il ghiaccio sull’area coinvolta per 20-30 minuti ogni ora per le successive 4 ore  dal trauma
Compression (compressione) – ovvero pressione con l’utilizzo del ghiaccio sulla parte infiammata per almeno 24-48 ore
Elevation (elevazione) –  mantenere la parte infiammata al di sopra del livello del cuore in modo da evitare ulteriori accumuli di sangue
Questo metodo non può sostituire la diagnosi di un medico prima (fisioterapista) e il trattamento di uno specialista dopo (post-fisio).

Anzi se si sta troppo tempo fermi per paura di sentire dolore, si rischia una rigidità articolare che non favorirebbe il ripristino delle funzionalità motorie.

Ed è proprio per questo motivo che la fase post-fisio non può seguirla il fisioterapista.

Il suo compito è quello di valutare e trattare un infortunio fino al recupero parziale dell’arto.

Chi si occupa della fase post-fisio è il personal trainer.

Tu potresti obiettare che non hai bisogno di un personal trainer, ma il ruolo di Personal Trainer prevede di essere esperto nel migliorare forza, flessibilità e forma fisica complessiva

La differenza sostanziale tra un fisioterapista e un personal trainer è che il fisioterapista si occupa di valutare e trattare a livello clinico una patologia mentre il personal trainer si occupa di migliorare il recupero e mantenere uno stato tale da evitare infortuni o nuove ricadute.

In realtà non è colpa tua se associ la figura del personal trainer a quello di un fanatico che ti vuole in modalità combattimento per correre maratone o diventare il nuovo sylvester stallone.

Ormai viviamo in una società dove conta apparire che essere, quindi non ti biasimo se non sei convinto che il personal trainer possa essere un valido alleato per la tua missione.

E allora come puoi evitare di finire nelle mani sbagliate, rischiando di compromettere per il resto della tua vita la tua salute? Ecco come questi 6 errori possono insegnarti a prendere le decisioni corrette per il tuo caso:

Errore N°1: scegliere in base ad una determinata distanza o zona

Quante volte ci affidiamo ad un centro di riabilitazione solamente in base alla distanza da casa o da lavoro?

Si tende molto spesso a scegliere un centro a discapito di un altro in base alla distanza.

Purtroppo la distanza e la zona non sono fattori che determinano la qualità di un servizio.

Errore N°2: Non fare nessuna ricerca

E’ fondamentale che tu faccia molte ricerche per ottenere ulteriori informazioni che ti possono aiutare a scegliere una buona palestra

Effettuando ricerche, ad esempio su Google, scoprirai se:

  • sono presenti eventuali testimonianze o feedback dei suoi clienti
  • ha un sito e/o un blog
  • è menzionato da qualche organo autoritario o comunque con una certa fama

Errore n° 3: scegliere una palestra senza assicurarti che sia specializzato nell’area di tuo interesse 

Una volta identificato il tuo obiettivo, dovresti scegliere una palestra specializzata in quella determinata area.

Ad esempio noi del Centro Elan Vital, siamo specializzati nel recupero post-infortunio senza compromessi, dove mettiamo in vertice la tua salute.

Errore N° 4: Non chiedere consigli ad amici

Molto spesso parlare di un problema o chiedere semplicemente consigli su determinate situazioni ad amici e parenti, ci porta a scoprire che non siamo gli unici ad avere un determinato problema.

Quante volte ti è capitato di scoprire che anche il tuo collega ha avuto quell’identico problema o si è trovato in quell’identica situazione?

Quelli che chiamiamo oggi come il “mio” meccanico, dottore, non sono altro che persone sponsorizzate da amici e parenti.

Non c’è niente di meglio che scegliere un professionista come il fisioterapista grazie ai consigli delle persone di cui ci fidiamo.

Errore N° 5: Scegliere in base al prezzo 

Non è un segreto che affidarsi ad una buona palestra risulti costoso.

Generalmente se una palestra ha un prezzo di abbonamento basso significa che il costo in salute per te sarà davvero alto.

Questo perchè punterà alla quantità che alla qualità, ovvero più clienti avrà e più guadagnerà a discapito del tuo obiettivo.

Questa moda è esplosa con gli studi dentistici che trovi nei centri commerciali, dove la maggior parte di igienisti dentali a partita iva ti fanno la pulizia dei denti in 30 minuti pagando 40 euro invece di farla in 1 ora a 90 euro.

Se ci pensi, dal punto di vista degli igienisti dentali non cambia nulla, in quanto in 1 ora riescono comunque a guadagnare 90 euro.

Chi ci perde è il paziente che si vede dimezzato il tempo necessario per ottenere una pulizia dei denti fatta come si deve.

Perciò prima di valutare in base al prezzo, assicurati di tenere in considerazione altri fattori come il tempo che ti sarà dedicato per il tuo recupero.

 Ed ecco svelato L’Errore N° 6, il più sottovalutato di tutti, quello che potrebbe davvero costarti una gamba.

E’ importante chiarire le proprie aspettative prima di iniziare il trattamento questo per evitare di perdere soldi e soprattutto tempo.

Perché tempo?

Perché se la tua aspettativa è recuperare il prima possibile, a discapito della tua salute, un centro come Elan Vital potrebbe farti buttare via soldi e tempo.

Se invece sei interessato ad approfondire come allenarti in modo sicuro, efficiente, puoi fare come ha fatto Simone, che si è affidato al nostro centro Elan Vital per recuperare in maniera sicura l’utilizzo della gamba:

Benedico ogni giorno mia moglie che mi ha consigliato Elan Vital perché ho recuperato nel giro di breve tempo la funzionalità della mia gamba dopo essere stato 8 mesi senza camminare a causa di un operazione al ginocchio subito nel 2016.

Adesso finalmente, mi sto allenando regolarmente con un altro programma di allenamento sportivo

Dove la trovi un’altra palestra che ti fornisce un Personal Trainer, tutto per te, che analizza il tuo stato di salute per poi guidarti per filo e per segno a 360° nelle attività di allenamento specifiche per il tuo caso?

Consiglio Elan Vital a tutte le persone che devono recuperare da un infortunio o da una operazione, come nel mio caso, o a tutte quelle persone che ci tengono a rimanere in salute.

Soprattutto a chi tiene al benessere del proprio corpo, e lo dice uno che per 8 mesi è rimasto fermo dopo un’operazione senza fare alcuna attività fisica.

Quindi fidatevi come ho fatto io.

Quindi, se anche tu hai questo tipo di problema e vuoi:

  •  Recuperare in totale sicurezza senza compromessi
  • Avere un Personal trainer a tua completa disposizione che ti seguirà in tutta la fase di recupero
  •  Avere un checkup costante che certifica i tuoi progressi

noi del Centro Elan Vital abbiamo messo a disposizione Recupero Sicuro, la prima palestra in Italia che ti permette di recuperare senza compromessi.

Se invece non hai particolari problemi ma sei interessato comunque ad allenarti in totale sicurezza evitando inutili infortuni, noi del Centro Elan Vital, il primo centro che mette in vertice la salute, abbiamo messo a disposizione Elan Test.

Elan Test è un esclusivo programma (dal valore di 97 euro) dove avrai a tua disposizione:

  •       analisi della massa magra e massa grassa
  •       visita posturale davanti ad uno specchio
  •       test di flessibilità
  •      test appoggio del piede

 

Oppure puoi scegliere di allenarti in qualsiasi palestra, rischiare di infortunarti e spendere almeno 70 euro a seduta per andare da un fisioterapista svolgendo esercizi che non riuscirai a fare in totale autonomia, rischiando di subire nuovamente un infortunio.

Scegli ciò che è meglio per te.

Se sei interessato a Elan Test clicca qui https://www.elanvital.it/elantest/

Allenati a star bene !

Riccardo Lo Presti

Direttore Tecnico Centro Elan Vital

Pagina FB Elan Vital  https://www.facebook.com/elanvital.lainate

 

 

 

P.S. Se sei di Lainate e limitrofi, Elan Test è gratuito.

Invia un email con i tuoi dati a ev@elanvital.it  e verrai contattato da un nostro operatore esperto di Elan Vital che prenderà appuntamento con te.

Ti anticipo subito che l’appuntamento non prevede nessun tentativo di vendita ma sarà riservata unicamente per:

  •         visionare la struttura e assistere a come si allenano i nostri clienti con i nostri esperti
  •         rispondere ai tuoi eventuali dubbi o domande
  •         fornirti una prima valutazione gratuita del tuo stato fisico attuale in base ai dati che fornirai di persona presso la nostra struttura

P.P.S. clicca qui https://www.facebook.com/riccardolopresti.personaltrainersalute/ e metti mi piace per non perderti la mia rubrica Do Not List dove ti mostro tutti gli errori commessi durante l’allenamento e che tu non dovresti fare se non vuoi mettere a repentaglio la tua salute.


Metti un Mi Piace!

Condividi questo articolo:
  • 24
  •  
  •  
  •  

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *