02 93559483
dal 1 LUGLIO al 8 SETTEMBRE Lunedì - Venerdì 9.00 - 22.00 | Sabato 9.00 -18.00 | Domenica 9.00 - 14.00
02 93559483
dal 1 LUGLIO al 8 SETTEMBRE Lunedì - Venerdì 9.00 - 22.00 | Sabato 9.00 -18.00 | Domenica 9.00 - 14.00
L’appoggio del piede e la postura
Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  

Metti un Mi Piace!

SAI CHE IL MODO IN CUI APPOGGI IL PIEDE PUO’ CONDIZIONARE LA TUA POSTURA CON RIPERCUSSIONI ALLE GINOCCHIA, ALLA COLONNA VERTEBRALE FINO AD ARRIVARE PERFINO ALLA MANDIBOLA?

I piedi sono molto più di una semplice struttura anatomica che sopportano il tuo peso e ti permettono di muoverti.

Spesso li maltratti costringendoli, in nome dell’estetica, in scarpe non adatte alla funzionalità che devono svolgere.

E te ne accorgi solo nel momento in cui cominciano a farti male…

Il piede è la base del tuo corpo ed è un vero capolavoro di architettura!

In uno spazio molto piccolo si concentrano ben 26 ossa, 33 articolazioni, 114 legamenti, 20 muscoli e oltre 250.000 ghiandole sudorifere e, dopo il cuore, è la seconda pompa circolatoria del corpo che consente al sangue di risalire dalla periferia al cuore.

Questo dovrebbe già bastare a farti comprendere quanto è importante la postura e di come ci sia un legame stretto tra il modo in cui appoggi i piedi e il sistema nervoso centrale e periferico, muscoli, articolazioni, occhi e orecchio interno.

Se in un anello di questa catena qualcosa non va, allora il sistema cercherà di porre rimedio creando delle naturali compensazioni: una spalla più alta dell’altra, spostamento del bacino, scoliosi e molto altro creando anche tensioni come mal di testa, mal di schiena, sciatalgia ecc…

Pensa a cosa succede se a tutto questo si aggiunge anche un infortunio che ti costringe ulteriormente a modificare la postura magari per un periodo medio-lungo?

Devi ri-imparare gli schemi motori basilari.

Grazie a Erika per la tua testimonianza. Siamo felici del tuoi miglioramenti dopo tutte le difficoltà che hai affrontato senza arrenderti mai!


Metti un Mi Piace!

Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *