02 93559483
dal 1 LUGLIO al 8 SETTEMBRE Lunedì - Venerdì 9.00 - 22.00 | Sabato 9.00 -18.00 | Domenica 9.00 - 14.00
02 93559483
dal 1 LUGLIO al 8 SETTEMBRE Lunedì - Venerdì 9.00 - 22.00 | Sabato 9.00 -18.00 | Domenica 9.00 - 14.00
Non basta andare dal fisioterapista o dall’ortopedico per recuperare
Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  

Metti un Mi Piace!

È capitato anche a te di prendere una banale e semplice ‘storta’ alla caviglia?

Non sembrava niente di che… MA dopo qualche giorno – e qualche antidolorifico – zoppichi ancora.
E non è finita qui!
Visto che non cammini bene da giorni, comincia a farti male anche l’altra gamba e pure la schiena.
Rassegnato e dolorante senti che è arrivato il momento di andare dal medico per capire cosa non va.
Prendi il permesso al lavoro e – armato di tutta la pazienza che hai – ti metti in fila aspettando il tuo turno. Finalmente tocca a te e speri di cavartela velocemente…
In realtà sei SOLO all’inizio di un lungo, impegnativo e costoso (sia in termini economici ma soprattutto di TUO tempo) percorso fatto di telefonate, appuntamenti, visite specialistiche, lastre, terapie, trattamenti, medicine ecc…

Segui ed esegui alla lettera ogni cosa che ti prescrivono. Non salti neanche una delle sedute programmate né una delle pastiglia che ti hanno dato MA ancora non stai bene…
Nel frattempo però sono passati un paio di mesi, hai perso giornate di lavoro e hai pure dovuto rinunciare ad un paio di weekend sulle nevi programmate da tempo e che aspettavi con ansia…

Cominci ad essere stanco, stufo e un po’ sfiduciato…
Il dolore non passa mai del tutto.
Non ti dà tregua.
Soprattutto di notte…
Ti svegli in continuazione per trovare una posizione che ti dia sollievo.
Nonostante le rassicurazioni che tutto è andato bene (ed è vero!) senti che non sei più quello di prima.

Pensi che forse dovresti sentire il parere di un altro medico o provare quella terapia di cui ti ha parlato un collega… Ricominci da capo. Fiducioso.
Ma – dopo altri soldi, altro tempo e altre rinunce – il risultato non cambia.
A questo punto cominci a rassegnarti alla nuova condizione, pensi che ormai non ti resta che accettarla e fartene una ragione…
Ti consoli pensando che in fondo c’è di peggio.

…E SE INVECE tutto quello che hai fatto, passato, sopportato fosse come un puzzle a cui manca UN SOLO pezzo per essere completato?!
Sei veramente vicino alla fine, hai fatto tanto per mettere insieme tutti i pezzi ma SENZA QUELL’ ULTIMO E FONDAMENTALE, il quadro è comunque incompleto e non lo puoi incorniciare.
100 pezzi, ne hai già incastrati perfettamente 99 e per 1 (UNO!) SOLO che non trovi, non te ne fai niente di tutti gli altri!

Tempo, impegno, fatica e denaro sprecati. In realtà hai solo bisogno di una mano che ti aiuti a raccogliere questo ultimo prezioso pezzo… E IL GIOCO È FATTO!


Metti un Mi Piace!

Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *